Andrea Missinato

Andrea lavora nel campo dell'IT da quasi 20 anni coprendo un po' tutto, da sviluppo a business analysis, alla gestione di progetti. Oggi possiamo dire che è uno gnomo spensierato, appassionato di Neuroscienze, Intelligenza Artificiale e fotografia.

Quando si parla di Intelligenza Artificiale, il dibattito tende a scaldarsi molto in fretta, di solito tra una fazione asserragliata su un credo che prevede che le capacità umana non potranno essere eguagliate dalle macchine (quantomeno non in tempi brevi), e una fazione più propensa ad annunciare l'avvento prossimo, o addirittura già avvenuto, della nuova…

testing-automation

Con cicli di rilascio sempre più brevi, il testing rischia di diventare il collo di bottiglia del DevOps. Ma l’Intelligenza Artificiale potrebbe aiutarci a risolvere il problema.

Il DNA è un supporto estremamente denso, durevole e sostenibile. Potrebbe rivelarsi la soluzione al diluvio di Big Data?

I computer neuromorfici sono computer che simulano il funzionamento del cervello e sono in grado di implementare deep learning a una frazione del costo energetico delle architetture tradizionali. Grazie agli smartphone di nuova generazione la tecnologia sta guadagnando rapidamente terreno.

Quello che c’è da sapere su Google Duplex, l’ultimo “upgrade” del Google Assistant: di che si tratta, come funziona, e quali sono i potenziali problemi.

Algoritmi intelligenti imparano a giocare esplorando per curiosità. Non più legati ai premi, ma al “piacere della scoperta”: nuova frontiera per il deep learning?

Architetture neuromorfiche, GPU, TPU: l'Intelligenza Artificiale dalla specializzazione al cloud Lavorare e sperimentare con le reti neurali è (ancora) possibile con qualsiasi genere di hardware, ma per farlo in modo efficiente, ovvero con tempistiche che siano ragionevoli occorre hardware dedicato. Usare hardware dedicato per Intelligenza Artificiale non è un concetto nuovo, e risale agli anni…

Reti Neurali Convoluzionali, le macchine imparano ad astrarre ispirandosi alla corteccia visiva.

Grazie alle reti neurali, la tecnologia dei deep fakes ha raggiunto livelli di realismo che portano a domandarci a che cosa possiamo credere.

YOLO e la famiglia dei decoder a passata singola hanno consentito un salto generazionale nella computer vision.

Torna su