Swarm Intelligence: droni multimodali di cielo e terra

Sciami di droni che volano e camminano, coordinati da algoritmi di path planning. Così la multimodalità aumenta l’efficienza.

L’idea di un futuro in cui sciami di droni si coordinano per lo svolgimento di compiti come pick-up e consegna, sorveglianza, esplorazione e costruzione è sicuramente suggestiva. Ma quanto e come sarà realizzabile?

Droni di cielo e di terra

Un team comprendente anche membri del CSAIL (MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory) ha testato uno scenario in cui i droni siano in grado sia di volare sia di camminare al suolo.

Il punto è che mentre il volo è sicuramente molto più veloce della locomozione terrestre, pecca in precisione in ambienti ristretti e in efficienza energetica. D’altra parte il movimento su ruote è sicuramente più economico e preciso da manovrare.

Lo studio mostra come sia possibile coordinare uno “sciame” (swarm) di robot in modo che questi eseguano i propri compiti in modo autonomo senza ostacolarsi.

I robot sono stati implementati usando come base Crazyflie, una piattaforma ultraleggera open source per lo sviluppo di volo automatizzato, e agganciandovi un sistema di locomozione a ruote.

Fino a 80 droni, tutti in sicurezza

L’articolo presentato dal gruppo allo IEEE mostra come sia possibile coordinare uno “sciame” di robot attraverso un opportuno algoritmo di path planning chiamato Safe Interval Path Planning per la gestione delle priorità, e un flusso ILP per l’ottimizzazione della multimodalità. Scopo del modello è che ciascuno pianifichi il proprio percorso in modo da sincronizzarsi con gli altri robot, evitando ostacoli e ottimizzando il consumo energetico.

Il sistema può gestire fino a 80 unità, e la possibilità di sfruttare entrambe le modalità consente una pianificazione molto efficiente nelle tre dimensioni.

“While there are obviously still big challenges to scaling up to vehicles that could actually transport humans, we are inspired by the potential of a future in which flying cars could offer us fast, traffic-free transportation” (Daniela Rus, direttrice del CSAIL).

L’obiettivo è arrivare a scalare queste funzionalità su veicoli più capienti in modo da poterli utilizzare in scenari di recupero e perlustrazione in zone pericolose, oppure in scenari di delivery dove il veicolo trasporta oggetti pesanti via terra per poi tornare volando alla stazione di partenza.

Esempi di volo coordinato di droni

La swarm intelligence potrebbe essere la soluzione a tanti problemi, anche se ci saranno delle riflessioni da fare sulle conseguenze di possibili applicazioni militari. Il rischio infatti è che introdurre sciami di droni praticamente impossibili da intercettare potrebbe portare a dinamiche difficili da prevedere.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Spindox.it: Sciami di droni multimodali: è la swarm intelligence, bellezza!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.